Piante con la dote di purificare l’aria

Senza le piante, si sa, non potremmo vivere. Grazie a loro, che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno attraverso la fotosintesi clorofilliana, possiamo respirare. Ma, questo è tutto quello che fanno le piante? Ebbene no! Ci sono piante che depurano l’aria, cioè hanno la dote particolare di purificare l’aria.

Sono adatte per ambienti sempre chiusi, fumosi, o dove si utilizzano molto computer o apparecchi hi tech. Lo sappiamo grazie a uno studio che è stato eseguito dalla NASA negli anni ottanta del secolo scorso. Lo studio ha individuato una cinquantina di piante dal potere di eliminare agenti inquinanti, attraverso il filtraggio, che si trovano nelle nostre case.

Molte delle piante citate in questo studio, sono piante che abbiamo sempre visto, mentre altre, almeno per noi europei, sono di recente introduzione.

La sansaveria, ad esempio, come l’azalea o il ficus benjamin, non sono sconosciuti ai nostri fiorai, ma forse, a parte la loro caratteristica decorativa, non venivano considerate per altri usi.

Il crisantemo, che difficilmente trova posto nelle abitazioni, essendo più utilizzato per commemorare i morti, ha la proprietà di filtrare l’aria e purificarla trattenendo il benzene.

Una pianta dalle molteplici virtù, che tutti conosciamo sicuramente è l’alce vera: oltre ad essere curativa, ha proprietà filtranti. Se avete una lavanderia, è consigliata la gerbera che rimuove dall’aria le tracce di trielina, mentre lo spatifillo assorbe composti volatili come tricloroetilene e formaldeide.

Per combattere l’elettrosmog, invece, è consigliata l’areca palmata, che oltre ad essere molto bella ha un alto potere filtrante e ha bisogno di poche attenzioni.

Per ottenere un beneficio adeguato da parte di queste piante, sarebbe necessario considerare anche l’ampiezza della casa che le deve ospitare: ovviamente più sono grandi le dimensioni, più alto dev’essere il numero delle piante che svolgeranno l’attività filtrante. Alcune piante svolgono attività sopressiva verso gli stessi prodotti, quindi si può scegliere quale utilizzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *